Hike005 - San Bernardino: anello del Passo

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Distanza: 12,0 Km

Dislivello: +629m / -629m

Percorrenza: 8h00' inclusa la sosta all'Ospizio del Passo San Bernardino

Velocità media: 1,5 Km/h

Dopo una giornata di puro transito dalla Val Formazza alla Svizzera, eccomi insediato in Val Mesolcina nel centro del paese di San Bernardino, da dove parto per la prima escursione "elvetica".

Il meteo torna ad essere incerto ma, ben attrezzato e vestito, decido di partire ugualmente in direzione del Passo San Bernardino seguendo la direzione della antiva "Via Romana".

Il tratto iniziale risale dal paese lungo il bosco fino a giungere ai primi alpeggi chiamati "Gareida", per proseguire ancora verso il "Sass de la Golp" in un ambiente ricco di conformazioni rocciose costellate da piccoli laghetti e da alcune torbiere. Si scorgono varie tracce del passaggio di grossi animali selvatici che potrebbero essere cervi, ma l'ipotesi non è confermata da alcun avvistamento.

Avvia la slideshow di Panoramio

Il cielo continua a tentennare, ma sembra che riesca a trattenersi dal rovesciarmi catinelle d'acqua in testa, fintantoché arrivo a vedere l'ospizio del passo in lontananza. Per raggiungerlo devo scendere di qualche decina di metri di quota, attraversando una distesa di ometti di sasso che i turisti hanno ammucchiato nel tempo. Uno squarcio di sole mi permette di fare uno dei pochi scatti davvero gradevoli da inviare agli amici come "cartolina" virtuale. Uno di loro mi risponde dicendomi che l'immagine l'ha riportato alla gioventù, ai tempi in cui si dilettava a ricomporre puzzle.

All'Ospizio servono un ottimo dolce al rabarbaro, che non manco di gustare. Ne approfitto per acquistare la carta escursionistica dei sentieri, anche se avrei preferito che ve ne fosse una esposta per poterla consultare precedentemente all'acquisto. Nonostante la segnalazione ai gestori del locale, la loro risposta è stata fredda e poco interessata. Mappa alla mano, riesco facilmente a pianificare il rientro passando sotto agli spalti del Piz Uccello, lungo un sentiero affollato di bovini al pascolo che talvolta ingombravano il sentiero stesso.

Superato il Pian Lumbrif, dove la montagna assume l'aspetto di una coperta drappeggiante, all'incrocio con la Val Vignun incontro una coppia con un cane ed una folta squadra di escursionisti composta da una cinquantina di persone, che arrivavano dal Passo Spluga. Evidentemente è un giorno festivo e con tutti loro affronto il pezzo terminale della discesa al paese di San Bernardino.

Nel frattempo sbuca il sole, seppure tramontante, e la sua luce contrasta con il cielo che ad oriente è ancora carico di nubi grigie. Giusto per una bella foto della chiesa del paese dedicata al Divo S.Bernardino.

hike005 altimetria